Di Roma amo soprattutto la dimensione anonima.

Qui non sei nessuno e perciò ogni giorno puoi essere qualcuno di diverso, da quello di ieri e di domani.

Sei libero di reinventarti oppure no, sei quello che senti di essere giorno per giorno.

Nessun passante si ricorderà di te domani. Forse non ti rivedrà mai e, se vi rincontrerete,  non ve ne accorgerete.

Ogni giorno è un giorno diverso in tutto. È un’avventura non sempre piacevole o gratificante, ma inconfondibile.

Per la prima volta ricordo 365 giorni dell’anno scorso.

La fontana di Trevi con il suo marmo bianco è il simbolo più emozionante di Roma

Lascia un commento

sedici − 5 =