Diceva che l’amore non esiste, che è solo un insieme di circostanze e di casualità, che nulla è prevedibile o promettibile.

Ed era più piccolo di me…

Sicuramente ha ragione lui, ma se non facciamo finta di crederci nell’amore, nella magia, almeno  all’inizio, cosa resta? Tanto la delusione arriverà comunque dopo, perché anticiparla? 

Due ragazzi ballano davanti alla luna
Fotografia di Myriam Zilles

Lascia un commento

dodici − cinque =