Twitter “censura” Trump. Facebook rimuove un post di Trump.

La stampa tradizionale non ha mai avuto questo potere.

Il giornale dell’opposizione, di una qualunque parte politica in qualunque parte del mondo, avrebbe potuto al massimo contestare/screditare l’altra parte.

E la censura era un manganello disponibile solo per il potere. 

I social media, dunque, sono il nuovo potere.

Decidono le regole del gioco e nessuno può opporsi ad essi fino a che il loro popolo di iscritti li sostiene. 

Questo articolo ha 2 commenti

  1. Varu

    Un mio amico sempre contro i miei commenti filocinesi è stato bannato da Facebook per 1 mese. E ora mi chiede di riparlarne…della Cina.

    1. Figlia del mio tempo

      Davvero? Interessante!

Lascia un commento

19 − cinque =