Qualche anno fa portai a termine un’esperienza di lavoro.

L’ultimo giorno in ufficio fu molto concitato perché cercai di non lasciare nulla di inconcluso o istruzioni per concludere.

Una mia collega mi chiese come mi sentivo e io le spiegai che per me era un giorno lavorativo come un altro. Lei, incredula, pensò che stessi recitando la parte della donna forte.

In realtà non stavo recitando per niente.

Penso che tutte le esperienze, in tutti i campi (lavoro, amore, sport), possano o debbano giungere ad una conclusione: l’importante è “arrivare in salute al gran finale”(cit.).

Ovviamente non sempre si ha la fortuna di “scegliere” quando concludere un’esperienza, ma quando si può scegliere, si deve arrivare preparati.

Non importano gli errori, i tentativi, i successi: l’importante è avere fatto tutto il possibile per raggiungere i propri obiettivi.

E se non siamo riusciti a raggiungerli forse è il momento di cambiare strada, senza rimpianti.

Brigitte Bardot con i capelli biondi al vento, un orecchino d'oro a cerchio e una colomba sulla testa
Opera di Milo Manara

Lascia un commento

venti + 11 =