Anna Frank mi perdonerà.

Qualunque sia la ragione che ha scatenato l’odio degli americani verso gli americani di provenienza asiatica, quel che conta è che le conseguenze sono insostenibili.

Gli episodi di razzismo sono sempre deprecabili, ma se gli aguzzini sono essi stessi vittime di razzismo sono incomprensibili.

Le azioni punitive contro gli americani asiatici sono messe in atto anche da persone di colore.

Se lo scopo recondito è spostare l’odio razziale da se stessi alle nuove vittime, lo scopo è fallimentare dall’inizio.

Se invece, come credo, è semplicemente l’irrazionale odio che, periodicamente, cambia la sua vittima, è inaccettabile che non ci sia solidarietà tra le vittime.

Ricordo quando una ragazza albanese, residente a Milano, mi ha derisa perchè sono originaria del meridione: in quel momento ho pensato che se nemmeno le vittime sanno mettersi nei panni delle altre vittime, non esiste l’intima bontà dell’uomo. 

Dieci uova di cui 8 di colore marrone, uno di colore bianco e uno di colore marrone chiaro

Lascia un commento

12 − uno =