Il cucibocca esce nel buio della notte, alla vigilia dell’Epifania.

È l’anello di congiunzione tra il mondo degli umani e il mondo animale.

Il 5 gennaio invita tutti gli uomini a fare silenzio perché é una notte speciale in cui gli animali possono parlare.

Ha un ago in mano per cucire le bocche, un mantello e un cappello neri, e degli occhiali fatti con le bucce delle arance.

Le anime del Purgatorio lasciano i cimiteri e raggiungono la città nella stessa notte per la stessa ragione: far tacere gli umani.

La civetta è l’animale saggio che custodisce questo silenzio in favore degli animali.

Nel buio della notte sorvegliano le conversazioni degli animali, impedendo agli uomini di origliare o di intromettersi.

Quella notte gli animali hanno anche un potere: maledire gli uomini che li maltrattano.

Lascia un commento

due × quattro =