Non ho mai conosciuto mio nonno paterno, ma abbiamo sempre festeggiato insieme il nostro onomastico.

Il 29 giugno mi capitava a volte di sognarlo. 

Per me era il giorno della sua memoria.

Mi hanno raccontato tanto della sua vita, dei suoi comportamenti e dei suoi lunghi silenzi.

E, infatti, la cosa che avrei desiderato sentire, almeno per una volta, è la sua voce.  

Un uomo anziano su una barchetta in mezzo ad un fiume coperto da nuvole scure e tetre

Lascia un commento

tredici − 9 =